La classificazione dei dischi in vinile

Gli appassionati di musica sanno che fino a qualche anno fa i dischi vinili risultavano del tutto scomparsi. Attualmente lo scenario è completamente mutato: infatti in ogni città spuntano sempre più negozi dedicati ai 33 e ai 45 giri, mentre gran parte degli artisti ha ricominciato a incidere su questo formato, anche con modalità davvero innovative.

Pensate che addirittura i giradischi in vinile sono sempre più presenti ed utilizzati, una vera e propria riscossa!

La classificazione on-line

Tuttavia, il vinile non è rinato grazie ai negozi fisici, ma grazie al mercato online. Pensate che è anche nata una sorta di classificazione per definire le condizioni del disco in vinile, utilizzabile per permettere al compratore di capire lo stato del prodotto.

Unplayed: questa categoria raggruppa i dischi mai riprodotti su un giradischi, la cui copertina è ancora avvolta dalla pellicola trasparente. Ovviamente è la condizione migliore.

Mint (M): è un disco conservato in condizioni ottime, al punto che sulla superficie non si trovano né graffi né segni d’usura nel foro per il giradischi. La copertina anche deve essere in condizioni soddisfacenti.

Near Mint (NM) e Mint Minus (M-): si tratta di un disco già riprodotto, ma privo di evidenti segni d’usura e/o di graffi Anche la copertina deve sembrare nuova o – almeno – in buone condizioni.

Very Good Plus (VG+) e Excellent (EX): si tratta di dischi in ottime condizioni, già riprodotti e con segni d’usura minori. L’ascolto rimane di buona qualità, ma il disco può presentare il tipico segno del giradischi attorno al foro centrale. La copertina dovrebbe risultare leggermente consumata.

Very Good Minus (VG-), Good Plus (G+) e Good (G): sono dischi riprodotti frequentemente, con segni di usura come graffi e superficie poco lucida. Tuttavia, la riproduzione deve risultare fluida e senza salti, sebbene ci si debba aspettare qualche crepitio. Le etichette e le copertine possono mostrare segni di deterioramento.

Fair (F) e Poor (P): dischi in condizioni di estrema usura, con graffi che ne possono compromettere la riproduzione in maniera fin troppo negativa. Le etichette sono macchiate e/o strappate, la copertina può anche essere assente. Ovviamente non sono venduti per l’ascolto, ma a beneficio dei collezionisti.

Soundbar – come scegliere il modello migliore?

You may also like...